Home / Magazine / In primo piano / Taglio dei parlamentari: nella Circorscrizione Estero solo 8 deputati e 4 senatori

Taglio dei parlamentari: nella Circorscrizione Estero solo 8 deputati e 4 senatori

taglio

Nonostante le perplessità espresse dal Consiglio Generale degli Italiani all’Estero in commissione Affari costituzionali, il Senato ha dato il via libera al taglio dei parlamentari.

Determinate il voto dei 15 senatori di Fratelli d’Italia che hanno fatto da stampella alla proposta di riforma costituzionale del Governo “Pentaleghista”. Disco verde al tasto è arrivato anche da Adriano Cario del Movimento degli italiani all’estero. Adesso si aspetta settembre, quando il provvedimento andrà alla Camera per l’esame definitivo.

Il disegno di riforma costituzionale prevede la riduzione da 630 a 400 dei deputati e da 315 a 200 dei senatori. Da 18 a 12 (8 deputati e 4 senatori) scenderanno gli eletti nelle circoscrizioni estere rischiando di creare uno squilibrio di rappresentanza. L’esempio, in tal senso, è del professore Marco Galdi: «Un deputato eletto in Italia rappresenterebbe 150.000 abitanti, uno eletto all’estero 700.000 iscritti Aire; un senatore eletto in Italia poco oltre 300.000 abitanti, uno all’estero oltre 1 milione e 400 mila iscritti Aire».

Contrario alla riforma il Pd. Il deputato Nicola Carè, eletto nella Circoscrizione Africa Asia Oceania e Antartide, parla di «democrazia ferita», mentre la collega Angela Schirò incalza: «Si decide di tagliare la rappresentanza proprio quando l’emigrazione è ripresa». Per Forza Italia, che non ha preso parte alla votazione (tranne i favorevoli Gaetano Quaglieriello e Mariarosaria Rossi), interviene la senatrice Francesca Alderisi eletta in Nord e Centro America: «I 12 rappresentanti degli italiani nel mondo sono un contentino consolatorio; sono il preludio della cancellazione della Circoscrizione Estero».

A difendere la proposta, invece, è il leghista Simone Billi, residente a Zurigo, che, nei mesi scorsi, dichiarò alla Tv svizzera come si tratti di «un disegno da portare avanti nell’interesse dei cittadini» pur riconoscendo che «andrebbero studiate forme di compensazione per i residenti all’estero».

Rino Strambelli

About passaparolina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


Scroll To Top