Home / Articoli nella newsletter / L’Unione (Europea) fa la forza… lavoro

L’Unione (Europea) fa la forza… lavoro

Trovare lavoro in tutta Europa oggi per i giovani è più facile con Eures. Ne parliamo con la persona di riferimento per il Granducato: Mario Della Schiava

europ

Dopo il successo dell’Erasmus, il programma di mobilità studentesca dell’Unione europea, anche cercare lavoro in Europa non è più un’impresa impossibile grazie ad Eures, il portale europeo della mobilità professionale. Come ci spiega Mario Della Schiava, referente ADEM (Agence pour  le développement de l’emploi) e consulente EURES nel Granducato, «EURES è una rete di cooperazione creata per agevolare il libero movimento dei lavoratori nei 28 Paesi dell’Ue, oltre che in Svizzera, Islanda, Liechtenstein e Norvegia. Un ruolo importante svolto da Eures è mettere a disposizione informazioni specifiche e facilitare il collocamento a vantaggio dei datori di lavoro e dei lavoratori frontalieri nelle regioni transfrontaliere dell’Europa. Nella pratica EURES fornisce i propri servizi attraverso il portale a una rete di circa 1 000 consulenti che sono in contatto giornaliero con le persone in cerca di un impiego e i datori di lavoro di tutta Europa».

I servizi offerti sono dunque di tre tipi: informazione sulle condizioni di vita e sulle opportunità di lavoro, consulenza, assunzione/collocamento (incontro cerco/offro lavoro). «Lo scopo di EURES – continua Della Schiava – è esattamente quello di aiutare e assistere le persone in cerca di occupazione e i datori di lavoro in questo; vuol dire che ciascuno che ha il diritto di lavorare nell’Unione europea può accedere a Eures». Si tratta infatti di un servizio gratuito al quale possono rivolgersi lavoratori e datori di lavoro, nonché tutti i cittadini che desiderano avvalersi del principio della libera circolazione delle persone, per poter accedere a tutte le opportunità lavorative in Europa.

«Per quanto riguarda i rapporti di scambio tra Italia e Lussemburgo – specifica il consulente Adem – la richiesta di cittadini italiani verso il Granducato è fortemente aumentata negli ultimi 2 anni. Al momento riceviamo fra le 5 e le 10 richieste di lavoro al mese di cittadini italiani che hanno scelto il Lussemburgo come Paese di lavoro, mentre non abbiamo praticamente nessuna domanda dal Lussemburgo verso l’Italia».

https://ec.europa.eu

https://ec.europa.eu/eures/public/it/language-selection

Stella Emolo

About Stella Emolo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


Scroll To Top