Home / Magazine / Cronaca / Una petizione per introdurre il diritto al telelavoro nel Codice del lavoro

Una petizione per introdurre il diritto al telelavoro nel Codice del lavoro

Il telelavoro è attualmente possibile in Lussemburgo, se il datore di lavoro lo desidera. Ma è un’opzione non molto diffusa.

La crisi CoVid mostra invece che il telelavoro funziona (abbastanza bene) e che in questi giorni in cui molte aziende nazionali hanno messo i dipendenti in telelavoro, ci sia meno traffico e una forte riduzione dell’inquinamento.

Per questo è stata lanciata la petizione 1556 per introdurre il diritto al telelavoro nel Codice del lavoro.

Tecnicamente comporta la modifica del codice del lavoro.

 All’articolo L 010-1, aggiunta di un punto „15. Sul posto di lavoro “

Spiegazione: l’articolo 010 contiene tutte le disposizioni di ordine pubblico, vale a dire che per tutto ciò che riguarda questi argomenti, non può essere oggetto di deroga contrattuale al dipendente.

 Nel libro II Regolamento e condizioni di lavoro, aggiunta di un titolo VIII Luogo di lavoro.

Capitolo 1 – Determinazione del luogo di lavoro

 Art 1XX.

Il luogo di lavoro indica il luogo in cui il dipendente svolge la propria attività secondo le istruzioni del datore di lavoro. È fissato dal contratto di lavoro.

In deroga al paragrafo 1 e per la metà dell’orario di lavoro giornaliero o settimanale determinato dal contratto di lavoro, il posto di lavoro può essere considerato fissato nel domicilio del lavoratore, se quest’ultimo lo desidera, che informa il datore di lavoro entro un termine ragionevole e che i compiti che gli sono affidati e che effettivamente esercita sono di natura tale da poter essere eseguiti a distanza senza essere in alcun modo alterati.

Se la natura dei compiti affidati al dipendente e che egli esercita effettivamente non consente di riparare il posto di lavoro a casa sua alle condizioni di cui al paragrafo 2, la prova spetta al datore di lavoro.

Si potrebbe obiettare che il telelavoro isola le persone. Ma approvare il diritto al telelavoro per la metà dell’orario di lavoro, o meno – a scelta del dipendente -, significa che durante l’altra metà del tempo, si può comunque lavorare in ufficio.

Oppure che si lavora meno. Ma anche in ufficio si può comunque perdere del tempo.

L’aumento della percentuale di telelavoro sembra adatto per conciliare la migliore vita professionale e familiare, perdere meno tempo negli spostamenti, che equivale a meno stress e  meno inquinamento.

Per firmare, cliccare QUI

(Red/ac/pc)

About passaparolina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


Scroll To Top