Home / Coronavirus / 80/19-nCoV: tutto quello che c’è da sapere sulla ripresa scolastica della scuola fondamentale

80/19-nCoV: tutto quello che c’è da sapere sulla ripresa scolastica della scuola fondamentale

Ripresa delle attività nel ciclo 1 dell’istruzione di base, in asili nido e centri di assistenza psico-pedagogica

 Misure adattate a tutti i bambini

 

I bambini dai 0 ai 12 anni potranno far ritorno a scuola il 25 maggio dopo 10 settimane di confinamento e chiusura della scuola primaria, asili nido, mini asili e strutture di educazione speciale e specializzata per bisogni particolari,  così come deciso dal governo lussemburghese.

Il Ministro dell’Istruzione Claude Meisch ha assicurato più volte che la ripresa avverrà in totale sicurezza e nel rispetto delle misure di sicurezza e della salute di tutti. I bambini non troveranno lo stesso ambiente di quello che conoscevano prima del confinamento. Vengono messe in atto severe misure di protezione e di igiene adattate alla loro età. L’intera nuova organizzazione mira a ridurre il numero di persone con cui i bambini entrano in contatto.

Ecco in breve tutte le info utili e le misure che saranno adottate: 

 

Come è organizzata la ripresa nel primo ciclo e nella struttura di accoglienza?

• Il recupero è organizzato secondo il sistema dell’alternanza per i 4 cicli dell’istruzione di base (gruppo A e gruppo B). Ogni classe è divisa in due gruppi che andranno a scuola alternativamente.

• La dimensione dei gruppi è quindi ridotta e i bambini rimangono sempre nello stesso gruppo.

• Nel pomeriggio viene offerta una ricezione gratuita opzionale ai bambini. Per i bambini del gruppo A, viene fatto a scuola; per il gruppo B, viene eseguito nella struttura di ricezione. Una reception gratuita opzionale è disponibile anche la mattina dalle 8:00 alle 13:00 nella struttura di accoglienza per i bambini del gruppo B.

• La scuola è protetta dall’esterno: l’accesso all’edificio è strettamente riservato a bambini, personale docente ed educativo.

• Le attività si svolgono il più spesso possibile all’esterno, nel parco giochi o nella natura.

• I pasti si svolgono in classe per i bambini del gruppo A e nella struttura di accoglienza per i bambini del gruppo B.

• I giocattoli per bambini vengono puliti regolarmente e le superfici disinfettate.

 

Quali sono le misure di protezione che saranno adottate dagli insegnanti e dagli alunni in classe?

Gli insegnanti qualora non possano rispettare la distanza di sicurezza di 2 metri sono obbligati ad indossare la mascherina. I bambini meno di 6 anni non saranno obbligati ad indossarla. Sarà complicato limitare il contatto fisico tra bambini, sarà compito dell’insegnante curarsi che l’alunno si lavi le mani dopo un eventuale contatto fisico. Il lavaggio delle mani sarà molto frequente in generale durante la giornata scolastica.

 

Come funzionerà la ripresa degli asili?

Anche i bambini più piccoli saranno divisi per gruppi, fino ad un massimo di 5, al fine di lasciarli quanto più spazio possibile. L’educatore di riferimento si prenderà cura dello stesso gruppo di bambini, se possibile.  Le attività si svolgeranno il più spesso possibile all’esterno e anche i pasti saranno consumati sempre all’interno dello stesso gruppo.  La pulizia di luoghi, attrezzature e giocattoli verrà eseguita regolarmente e con attenzione. I bambini più piccoli non saranno obbligati ad indossare la mascherina e non sarà vietato loro il contatto fisico.

 

Come sarà organizzata la ripresa nei centri di assistenza psico-pedagogica (Centres de compétences en psychopédagogie spécialisée) e le misure di sicurezza che saranno adottate?

Tutti gli studenti prenderanno parte alle lezioni e alle attività offerte. Non sarà necessario un sistema alternato con classi divise in due gruppi in considerazione del numero limitato di alunni per classe.

Gli alunni verranno così curati in piccoli gruppi stabili per evitare il maggior numero possibile di alunni non appartenenti allo stesso gruppo.

 

Quali saranno le misure di sicurezza per gli insegnanti e gli alunni dei centri di assistenza?

Il personale educativo sarà come sempre obbligato ad indossare la mascherina laddove non sarà possibile mantenere le distanze di sicurezza. il lavaggio regolare delle mani rimane la prima misura da seguire. Indipendentemente dall’età, una maschera non dovrebbe mai essere messa su una persona che non è in grado di rimuoverla da sé (ad esempio uno studente con handicap), a meno che questa persona non sia sotto la diretta supervisione permanente. Se necessario, possono essere applicate istruzioni speciali seguendo le istruzioni specifiche del medico.

Il personale assicura che gli studenti non si scambino maschere tra loro.  I materiali o le attrezzature non devono essere condivisi. Gli studenti che frequentano un corso in un centro di competenza non possono essere ospitati in una struttura di accoglienza.

Tuttavia, il consueto programma dei centri di assistenza non viene modificato e gli studenti vengono sorvegliati durante tutti i normali periodi di apertura. Se necessario, i genitori possono continuare a utilizzare il congedo di famiglia per prendersi cura del proprio figlio dopo il ritorno dal Centro di competenza. Gli alunni nei centri di assistenza continuano a beneficiare dei pasti scolastici in loco: un pranzo al sacco personalizzato (“Frupstut”) offerto dal servizio Restopolis o un’offerta di catering adattata alle esigenze specifiche degli studenti.

 

Come funzioneranno in nuovi congedi familiari, chi potrà beneficiarne?

Il diritto al congedo familiare per un bambino di 4 anni termina in linea di principio con la ripresa delle attività di assistenza all’infanzia il 25 maggio 2020. Il congedo per motivi familiari può essere concesso oltre il 25 maggio solo per i seguenti casi eccezionali e per l’assistenza:

• un bambino vulnerabile;

• un bambino che non può essere portato in una struttura di accoglienza per mancanza di capacità sufficiente. Un certificato attestante l’incapacità della struttura di ricevere il bambino sarà stabilito dal Ministero della Pubblica Istruzione, dell’infanzia e della gioventù e dovrà essere obbligatoriamente allegato alla richiesta da presentare alla CNS;

• un bambino di età superiore ai 13 anni, che riceve dal Fondo l’assegno aggiuntivo per i bambini con disabilità per il futuro dei bambini.

Per i bambini di età inferiore ai 4 anni, i genitori possono scegliere di prendere un congedo per motivi familiari o di iscriverli in una struttura per l’infanzia.

 

Come verrà riorganizzato il trasporto scolastico per bambini con bisogni speciali?

Il trasporto di studenti con bisogni speciali dalla loro casa al luogo di scolarizzazione è fornito dal servizio di trasporto di accessibilità complementare per le persone con bisogni speciali (CAPABS). Sono previsti adattamenti, come l’introduzione di corse aggiuntive per mantenere sufficienti distanze interpersonali durante i viaggi in autobus.

 

Per tutte le informazioni, consultare

www.guichet.lu

Amelia Conte

 

About passaparolina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


Scroll To Top