Home / Magazine / Arte / La danza digitale al tempo del coronavirus

La danza digitale al tempo del coronavirus

Il 3 giugno va in scena la terza edizione del “3 DU TROIS”: tutti pronti ma connessi con il proprio computer. Per la terza edizione di 3 DU TROIS ONLINE, il TROIS C-L ha unito le forze con i Teatri della Città di Lussemburgo e il Théâtre du Centaure per offrire una serata eccezionale attorno al TalentLAB. Mercoledì 3 giugno 2020 sulla piattaforma digitale si potranno riscoprire alcune importanti pieces che hanno segnato le edizioni 2017 e 2019: SWAN di Hannah Ma, 3.14π di Andrea Rama e PARASITE di Frieda Gerson.

Per l’occasione abbiamo intervistato il coreografo Andrea Rama per conoscere più da vicino il suo lavoro.

3,14 Π  © Boshua

3,14 Π © Boshua

 

Andrea da dove viene l’idea del pezzo “3,14 Π” che evoca la misura del cerchio, l’elemento principale di questo lavoro?

“3,14 Π” era il desiderio di flirtare con la semplicità e il movimento quotidiano al suo massimo. La semplicità è diventata l’obiettivo principale. Un focus che mi segue ancora oggi, poiché sono affascinato dalla complessità creata attraverso la semplicità. I primissimi materiali di movimento dove camminare e correre. La corsa è sembrata molto presto il principale fuoco del materiale generale. Quando la corsa è iniziata letteralmente in studio, ho subito sentito che il suo suono ci avrebbe seguito sempre come materiale sonoro fisico. Quando sento i passi dei cavalli, personalmente non ho bisogno di alcun suono in più attorno ad esso, ho pensato che avrei potuto condividere questo bisogno con il pubblico poiché i passi sono già magici e già dalla nostra prima impronta sonora ero convinto che il pubblico potesse meditare e connetterli ognuno in modo personale. Separatamente l’inconscio è una parte che  rispecchierebbe individualmente ciascuno dei membri del pubblico, in termini di esperienze personali intorno a immagini o suoni.

Quanto è importante l’idea del tempo nella tua coreografia, alla luce di questa emergenza di Covid -19 che stiamo vivendo?

Per “3,14 Π” menziono che “Il concetto di tempo circolare è fondamentale per le civiltà orientali e si attiene all’idea che ogni movimento è circolare”. Continuerei a mettere in discussione noi stessi su quanto siamo consapevoli con il lasso di tempo degli ultimi 3 mesi !? È una vittoria o un tempo perso !? Sicuramente è un tempo di vittoria, un elettroshock prima della tintura, una situazione forzata in quanto è possibile riscoprire nuovi metodi. Anche la situazione di emergenza sta facendo il suo proprio movimento circolare quando al momento stiamo vivendo un tempo di emergenza non specificato. Quando all’interno della cerchia la relatività del tempo ha una sensazione magica attorno alla sorpresa stessa. Quando si è fuori dal cerchio, la lettura o il rilevamento del tempo di emergenza è qualcos’altro o addirittura un’esperienza imprevedibile. In ogni caso, la libertà di leggere e percepire ulteriormente quei tempi, che rimangono relativi per ognuno di noi, è sempre stata nei miei interessi.

Hai lavorato anche “A Line Supreme” in cui il focus è la linea. Quindi cerchi e linee …. su cosa ti concentrerai nella prossima pièce?

È vero, “A Line Supreme” è il pezzo su cui ho potuto ricercare un lato della femminilità / fragilità della linea o molto più lo spessore / mascolinità di essa. Anche a partire dal punto in cui la linea perfetta che letteralmente non esiste, poiché le linee si muovono costantemente in un percorso circolare esattamente come il tempo. Quindi due linee “parallele” si incontreranno sempre insieme e questa è una questione di tempo e poche altre circostanze. Relativamente come lettori, percorsi lineari di Susumu Shingu (MUDAM 2018 https://www.mudam.com/exhibitions/spaceship), o ancora di più le linee che osserviamo nella natura (montagne, paesaggi, aria in movimento, acque in movimento del mare / fiumi), sono stati l’ispirazione principale per questo progetto. Qui potremmo sicuramente parlare di più della sensazione personale di trascorrere del tempo mentre riceviamo o percepiamo quelle linee naturali. Nel prossimo futuro immagino di portare “A Line Supreme” in spazi pubblici aperti che potrebbero essere più efficaci del palcoscenico proprio perché è una questione di tempo personale.

3,14 Π  © Boshua

3,14 Π © Boshua

Il tuo nome e cognome ha familiarità con i nomi italiani: quali sono le tue origini e quanto l’arte italiana influenza il tuo lavoro?

Ho due nomi dati Andrea e Dorian. Dorian Immagino che il 99% dei lettori potrebbe pensare da dove si è ispirata mia nonna. Andrea viene da Sant’Andrea, che fu il primo apostolo di Gesù Cristo, sì, è vero. Il mio cognome Rama lo puoi trovare come hai già detto in Italia, ma anche in Germania / Berlino, dove vivo. Sono nato a Tirana (AL) e cresciuto ad Atene (GR), dove ho potuto incontrare anche Rama in entrambi i casi. Sì, sono influenzato da diversi artisti italiani come Leonardo da Vinci, Michelangelo, Caravaggio. Le opere di Caravaggio, i dipinti di Rothko e l’illuminazione naturale sono stati fonte d’ispirazione per il progetto illuminotecnico di “A Line Supreme”. È già nei miei piani per un prossimo futuro una residenza artistica in Italia, l’architettura è parte della mia influenza in ogni ricerca artistica.

Roberta Bignardi

 

About passaparolina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


Scroll To Top